Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

REFERENDUM POPOLARI

REFERENDUM POPOLARI DEL 15 E 16 GIUGNO 2011Pubblicati nella Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 2011 i decreti presidenziali che indicono i quattro referendum popolari. Si decide su privatizzazione dell'acqua, energia nucleare e legittimo impedimento del governo.

  • Data: 11.05.11
  • Categoria: Eventi
  • Autore/Fonte: F.F.

Dettagli della notizia

Le denominazioni sintetiche, formulate dall’Ufficio centrale per il referendum costituito presso la Corte Suprema di Cassazione, in relazione a ciascuno dei quattro quesiti referendari dichiarati ammissibili:

a) referendum popolare n. 1
Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Abrogazione;

b) referendum popolare n. 2
Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. Abrogazione parziale di norma;

c) referendum popolare n. 3
Nuove centrali per la produzione di energia nucleare. Abrogazione parziale di norme;

d) referendum popolare n. 4
Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale.

Riassumendo e semplificando, i quattro quesiti proposti riguardano:

i primi due la privatizzazione dell'acqua (per entrambi si vota SI' se non si è d'accordo, si vota NO se si è favoreli);

il secondo riguarda la produzione di energia nucleare (si vota SI' se non si è d'accordo, si vota NO se si è favoreli);

il quarto riguarda il legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri (si vota SI' se non si è d'accordo, si vota NO se si è favoreli).

Per essere valido, il referendum dovrà raggiungere un quorum del 50 % degli aventi diritto al voto.

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina