Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Eleanor Coppola a Cannole.

La masseria di "Torcito" di Cannole ospiterà quest'estate la moglie del famoso regista italo-americano Francis Ford Coppola, Eleanor.

  • Data: 13.06.05
  • Categoria: Eventi

Dettagli della notizia

La masseria Torcito di Cannole ospiterà quest’estate la moglie del famoso regista italo-americano Francis Ford Coppola, Eleanor, “sarà una felice parentesi per Torcito”,secondo il Presidente della Provincia Giovanni Pellegrino.
Una masseria finora sottoutilizzata ma che quest’estate potrebbe diventare un residence culturale, come ce ne sono tanti in Umbria ed in Toscana, che ospiterà numerosi artisti, secondo le intenzioni del capo di gabinetto della Provincia, Gianni Turrisi. La signora Eleanor Coppola è interessata a trovare nel Salento una struttura in cui organizzare stage e incontri con artisti americani e giapponesi, e la masseria di Torcito è sembrata la più idonea ad ospitare l’iniziativa, scartando cosi il sito di Cerrate ritenuto inadeguato alle necessità richieste. La giunta dell'Amministrazione provinciale sta così lavorando al progetto inserito nel ricco programma della rassegna Negroamaro 2005.
Incontri e stage che si terranno all’ombra della bellissima struttura del XIII secolo, completamente restaurata dalla Provincia ed in cerca da tempo di una adeguata utilizzazione.Già l’amministrazione di Lorenzo Ria aveva tentato di farne un parco a tema che si sarebbe chiamato “Dai Dolmen alle cattedrali romaniche, all’Europa moderna”. Inoltre si stanno studiando varie ipotesi sul futuro da destinare alla masseria, da quella del consigliere Farì sull’eco villaggio mediterraneo a quella dell’assessore Manieri di collegare la masseria alla vecchia strada per la Grecia, all’altra ipotesi di creare un percorso che leghi Torcito a immobili della zona, al castello di Acaya e alla masseria Mazza di Melendugno. Al momento al vaglio della giunta Pellegrino vi è il progetto di Farì secondo il quale dovrebbe nascere un museo antropologico multimediale, un ecomuseo naturalistico, un centro residenza per i coltivatori e gli artisti in transito, con un servizio di foresteria per i partecipanti agli eventi con annesso servizio di ristorazione e bar. Inoltre gli spazi dell’antica piccionaia, della chiesetta e della cava dovrebbero essere utilizzati come spazio suoni per concerti, working group, ricerche sull’espressività artistica. Insomma un progetto, quello di Farì, che verrà ampiamente anticipato e sperimentato quest’estate dagli artisti che saranno ospitati alla masseria , tutti al seguito della signora Eleanor Coppola.

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina