Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

GIORNATA INTERNAZIONE DEI DIRITTI DELL'INFANZIA E DELL'ADOLOSCENZA

Il 20 novembre si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza.

La Giornata Mondiale dell'Infanzia e l'Adolescenza è un'occasione importante per fare un bilancio sul problema complesso della tutela dei diritti dei minori nel mondo. Oltre 100 gli eventi, di diversa natura, organizzati in Italia, a partire da un'ideale catena umana che, come spiegato in una nota da Giacomo Guerrera, presidente di Unicef Italia In Italia: "Vuole essere anche una catena di solidarietà che unisce idealmente i bambini che vivono in Italia con quelli delle Filippine colpiti dal tifone Haiyan''. Importante anche il ruolo della Rai a tutela dei bambini. Un impegno "primario" per il direttore generale, Luigi Gubitosi, che ha ribadito che "la necessità di non abbassare mai la guardia e del rigoroso rispetto della riservatezza del minore" resta una delle linee guida del servizio pubblico.

A livello mondiale i problemi dell'infanzia restano purtroppo drammatici nonostante gli indubbi progressi registrati negli ultimi vent'anni. Basti un solo numero dato dall'Unicef e relativo unicamente fenomeno della mortalità infantile: ancora oggi 6,6 milioni di bambini con meno di 5 anni, circa 18 mila al giorno, continuano a morire ogni anno per cause prevenibili. Nel 1990 erano 12,6 milioni. Una realtà che diventa impressionante se ci si riferisce al bilancio globale di decessi di minori sotto i cinque negli ultimi due decenni: 216 milioni di bambini sono morti prima dei 5 anni tra il 1990 e il 2012, più della popolazione totale del Brasile, il quinto Paese più popoloso del mondo.

Le principali cause di mortalità nei bambini sotto i cinque anni sono: polmonite (17%); complicazioni per nascite premature (15%); complicazioni da parto (10%); diarrea (9%) e malaria (7%). Fra l'altro, quasi la metà dei decessi infantili sono attribuibili alla malnutrizione. I primi 28 giorni di vita rappresentano il periodo più vulnerabile per la sopravvivenza di un bambino, infatti circa il 44% dei decessi sotto i cinque anni si verifica durante il periodo neonatale (cioè durante i primi 28 giorni di vita). Nel 2012, sono stati 2,9 milioni i neonati morti in tutto il mondo.

In Italia, oltre 100 gli eventi pubblici organizzati dai comitati locali dell'Unicef in occasione della Giornata Mondiale dell'Infanzia. Manifestazioni, iniziative, marce, seminari, laboratori e diverse cerimonie con il conferimento della cittadinanza onoraria ai minori di origine straniera nati e/o che vivono sul loro territorio, come atto simbolico volto all'inclusione e alla tutela del diritto di tutti i bambini alla non-discriminazione. Per tutte l'obiettivo è: richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica sui diritti dell'infanzia, in particolare sul diritto alla cittadinanza quale premessa per l'esercizio di diritti fondamentali per tutti i minorenni.

Illustrando l'impegno di Unicef Italia, il presidente, Giacomo Guerrera, in una nota ha scritto: ''Quasi un milione di minorenni di origine straniera vive in Italia e di questi oltre la metà sono nati nel nostro Paese. Abbiamo deciso di promuovere in occasione del 20 novembre una 'catena umana' per richiamare l'attenzione sull'uguaglianza dei diritti di tutti i minorenni, prestando particolare attenzione ai gruppi più vulnerabili, come i minorenni di origine straniera in Italia e alla riforma della legge 91/92 sulla cittadinanza, perché sia orientata ai principi cardine della Convenzione sui diritti dell'Infanzia''.

Il Comune di Cannole insieme alle scuole primarie e secondarie intendono ricordare questo importante appuntamento con la storia per sottolinearne ancora una volta il profondo significato: riflettere sul tema della condivisione degli ideali, delle libertà e dei diritti. Non solo quelli di ogni singolo individuo, ma soprattutto delle giovani generazioni, un domani il futuro trainante della nostra società.

Torna a inizio pagina