Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Tributi

Tipologia: Uffici

  • Data di ultima modifica: 03.12.13

P.E.C.: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Descrizione

Il decreto legge n. 35 del 2013, che è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell'8 aprile 2013, ha previsto importanti novità in tema di Imu e Tares (v. art. 10 del decreto legge). Per la Tares, sono state apportate modifiche significative soprattutto all'articolo 14 del decreto legge n. 201 del 2011 convertito in legge n. 214 del 2011, la manovra "salva Italia" che ha previsto l'entrata in vigore della nuova imposta dal 1 gennaio 2013. In particolare si stabilisce che i Comuni possano indicare autonomamente la scadenza e il numero delle rate di versamento del tributo comunale sui rifiuti e servizi indivisibili comunali, con propria deliberazione da pubblicare almeno 30 giorni prima della data di versamento della Tares in questione. Le scadenze non possono essere inferiori a due, e l'ultima rata, da versarsi nel mese di dicembre, prevede il pagamento di 30 centesimi a metro quadro quale quota da corrispondersi direttamente allo Stato.

Responsabili

  • Dott. Davide BISANTI, Segretario

Impiegati

Torna a inizio pagina